Siamo maschera di noi stessi! La caricatura è un ritratto intriso di ironia e intelligenza, il più delle volte risulta buffo; sa farci ridere, ma anche riflettere, riesce a far prender meno sul serio i pregi e a buttarsi alle spalle la delusione per i propri difetti. Tra pregio artistico e importanza storica, il progetto indaga il tema del ritratto, un particolare tipo di ritratto: la caricatura. Il tutto è finalizzato a superare e sbefeggiare l'invasione dei selfies dei moderni social media nell'epoca attuale, andando oltre il conformismo, la retorica e l'elogio più servile di un tempo. Tuttavia, proprio nella contemporaneità – e ne sono testimonianza la diffusione dei “volti”, più o meno anonimi, permessa e grandemente incrementata dai social – si assiste a una inedita invasione del ritratto nella vita quotidiana. Come le tecniche sono variate, dalla pittura a olio fino al digitale, così anche la stessa concezione del ritratto è passata dai tradizionali intenti celebrativi o di consegna alla memoria, a una dimensione più attualizzante che fa parte della comunicazione globale e destinata a durare il tempo di un click. I volti di oggi sempre più al servizio di stereotipi mediatici, sempre più schiavi di interventi di chirurgia o "magiche" punture, sono diventate maschere, molto di più di chi se ne fa gioco.